Rossella Casini: ce l’abbiamo fatta!

Sono passati otto anni da quando abbiamo incontrato la storia di Rossella Casini.

Otto anni intensi, di incontri, persone, emozioni e determinazione.

Otto anni in cui, insieme al Coordinamento Rossella Casini, non ci siamo mai arrese: a Palmi doveva esserci una via intitolata a Rossella e doveva raccontare la sua storia, impedire che quel silenzio durato più di trent’anni continuasse per sempre.

E nel giorno del 39° anniversario della sua scomparsa ce l’abbiamo fatta.

Palmi, 22 febbraio 2020: un grande momento di memoria civica, i consigli comunali di Palmi e Firenze insieme, il gonfalone di Firenze ad accompagnarci, gli amici del coordinamento Rossella Casini e Libera.

Ce l’abbiamo fatta: Rossella non è e non sarà mai un “pezzo di niente”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

La forza di Rossella

Un mese denso di emozioni quello appena trascorso. Giorni intensi per chi da anni è impegnato a mantenere viva la memoria di Rossella.

costituzione presidio Palmi

Molta strada è stata fatta da quel 2013 in cui insieme al Coordinamento Rossella Casini di Palmi e a Libera Firenze abbiamo iniziato a raccontare la sua storia di ribellione.

E finalmente, il 25 ottobre si è costituito a Palmi il presidio di Libera dedicato a Rossella. Non ci è stato possibile essere lì ma abbiamo festeggiato insieme a loro con un collegamento Skype.

gazzetta sud consiglio comunale

Il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, a Firenze un intenso Consiglio comunale aperto “La violenza sulle donne nella cultura mafiosa – Rossella e le altre”, organizzato grazie alla vicesindaca Cristina Giachi e al Presidente del Consiglio Comunale Luca Milani, che hanno salutato i presenti annunciando la prima l’intitolazione di un giardino a Rossella e il secondo accettando l’invito del Comune di Palmi alla cerimonia ufficiale di intitolazione di una strada, scaturita da una mozione presentata nel 2013 dal Coordinamento Rossella Casini.

Il Consiglio si è aperto con una clip di Emanuela Gasbarroni, sintesi della web serie “Verso il domicilio sconosciuto” pubblicata su Repubblica Tv, che potete trovare linkata integralmente su questo blog.

Sono intervenuti il Prefetto di Firenze Laura Lega, l’ Assessore ai Diritti e Pari Opportunità Sara Funaro, la Presidente del Tribunale di Firenze Marilena Rizzo, il Referente Provinciale del Coordinamento Fiorentino dell’Associazione Libera Giovanni Esposito, Sauro Ranfagni, parente di Rossella Casini, Enzo Infantino, fondatore del Comitato Rossella Casini, Giuseppe Creazzo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze.

Gli interventi sono strati inframezzati da brani tratti da “Rossella e le Altre” interpretati da  Fiamma Negri e Giusi  Salis che, dopo la conclusione dei lavori, sono partite per Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, per l’inaugurazione dell’ Università della Ricerca della Memoria e dell’Impegno – Rossella Casini, realizzata in un bene confiscato.

WhatsApp Image 2019-11-17 at 18.40.49

 

 

 

 

Medaglia d’oro al valor civile a Rossella Casini

20140604_110639
Foto 4 giugno 2014 – Teatro Aurora – Intitolazione dell’Istituto comprensivo di Scandicci a Rossella Casini
Ieri 2 giugno 2019, nell’ambito dei festeggiamenti per la Festa delle Repubblica, è stata conferita la medaglia d’oro al valore civile a Rossella Casini.
Molti, sapendo del nostro lavoro, ci hanno contattato, felici che Rossella sia ancora ricordata.
Anche il TG3 ne ha dato notizia con un’intervista a Fiamma Negri, una delle autrici e interprete di “Ultimo domicilio: sconosciuto”.

Servizio TG3

Rossella che non capì la ‘ndrangheta

Da “Republica”, blog “Mafie”, un’idea di Attilio Bolzoni

Fine anni ‘70, una storia che ci porta in un mondo oscuro che fa paura: una ragazza nata a Firenze e un ragazzo nato in Calabria. Per noi è come una calamita, dobbiamo sapere, dobbiamo raccontare.
“Ultimo domicilio: sconosciuto” è il nostro spettacolo, che ha debuttato nel 2013, ispirato all’amore e ai silenzi in terra di ‘ndrangheta. Oggi il gruppo di lavoro si è ampliato e, con lo sceneggiatore Simone Corami, continuiamo a ricercare e scrivere: una serie tv, “La Santa”, il livello più alto e segreto della ‘ndrangheta.

segue

Bagnara assegna “U sciammisciu d’oro”a Rossella Casini

Domenica 21 agosto a Bagnara (RC) è stato assegnato “U Sciammisciu d’oro” alla memoria di Rossella Casini.

Questo premio, alla sua terza edizione,  organizzato in collaborazione da “Io Donna” e “A.GE.S.S.” e fortemente voluto da Silvana Ruggiero, ha lo scopo di mettere in evidenza donne e organizzazioni femminili che in Calabria si distinguono per la loro azione sociale, l’etica nel lavoro e nell’associazionismo.

Siamo molto felici che abbiano pensato anche a Rossella.

Grazie

U SCIAMMISCIU

Le belle notizie – Toscana TV

La storia di Rossella Casini è una storia di donne che riscoprono una vita, la raccontano, fanno memoria.

Il 22 febbraio 2016, in occasione del trentacinquesimo anniversario della sua scomparsa, il Comune di Firenze colloca una targa nella casa in cui Rossella ha vissuto.

Quel giorno si è aggiunta un’altra donna: Michaela Barilari, giornalista di Toscana TV, che ci chiede di raccontare il nostro percorso e il nostro lavoro sulle tracce di Rossella.

Benvenuta Michaela e grazie!

Un albero per Rossella

Targa albero

E’ difficile che succeda qualcosa di nuovo in una storia cominciata 35 anni fa, la storia della ricerca di Rossella.

Ma ieri c’è stata una nuova emozione e un nuovo piccolo tassello nella memoria.

Da ieri c’è un albero in un piccolo giardino in via Gran Bretagna all’angolo con via Kyoto a Firenze, vicino ad una scuola. Un albero dedicato a Rossella perché i ragazzi di quella scuola, l’Istituto Comprensivo Botticelli, hanno scelto di ricordarla così. Adottando la sua storia fra tante altre, sentendola vicina alle loro storie di studenti, alle loro vite apparentemente lontane dalla ‘ndrangheta, come Rossella.

L’hanno adottata con la consapevolezza che ognuno di noi può trovarsi di fronte ad una scelta e non può fare finta di niente.

In questo piccolo giardino l’albero di Rossella è in compagnia degli alberi di Pierluigi Vigna e di Antonino Caponnetto.

Pioveva ieri, tanto, e non è stato possibile sistemare le targhe per gli alberi di Rossella, di Vigna e di Caponnetto.

Beh, poco male, ci siamo detti: ci sarà una giornata di sole in cui ci ritroveremo tutti insieme a dirgli grazie ancora una volta.

E speriamo che quel giorno anche a Palmi, finalmente, l’amministrazione decida di portare a compimento un impegno preso dopo la forte sollecitazione del Comitato Rossella Casini: l’impegno di dedicarle una via assunto con delibera del Consiglio Comunale e rimasto finora lettera morta.

Un grazie speciale a Libera Firenze e al Quartiere 3 per aver dato a questi ragazzi e a tutti noi un posto in cui pensarla.

“Ultimo domicilio: sconosciuto” su Radio3Rai

Immagine

Lunedì 17 marzo 2014 (nell’ambito delle iniziative di preparazione alla XIX “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, che avrà luogo a Latina il 22 marzo) Libera Firenze ha voluto coinvolgere la cittadinanza nel suo percorso di memoria.

Memoria di Rossella Casini, a cui è dedicato il nostro spettacolo, che abbiamo portato sul palco del Saloncino del Teatro La Pergola, e memoria di tutte le vittime delle mafie con la lettura dei loro nomi fatta dagli emozionatissimi ragazzi del presidio di Firenze “El Adji Baba”.

In questa occasione la trasmissione “Teatri in prova” che va in onda tutti i lunedì alle 22.50 su Radio3Rai ha voluto ospitarci con estratti dello spettacolo e interviste.

Ringraziamo Laura Palmieri di Radio3Rai per la sua accoglienza e gentilezza, Alessandro Geri al contrabbasso in studio e Michele Staino al contrabbasso sul palco

Potete ascoltarci cliccando qui

Volete sostenerci? Scoprite come con un clic